Shaping fair cities

Concluso con successo il Training of Trainers di Valencia

La prima iniziativa di formazione del progetto Shaping Fair Cities: la cinque giorni del "Training of Trainers" di Valencia per formare i 'futuri formatori' sulla localizzazione dell'Agenda 2030.

Hanno partecipato al Training of Trainers di Valencia trenta ‘futuri formatori’, provenienti dalle municipalità e dalle regioni partner del progetto Shaping Fair Cities, con l'obiettivo di prepararsi a formare a loro volta funzionari pubblici, autorità locali, rappresentanti delle organizzazioni della società civile, cittadini e tutti gli attori coinvolti nell’implementazione dell’Agenda 2030 nei rispettivi territori. 

L'Università di Bologna ha aperto la cinque giorni di formazione con la presentazione dei risultati dei sondaggi realizzati nelle città partner del progetto (Modena, Reggio Emilia, Forlì, Pemba, Vejle, Falköping, Spalato e Iasi), per indagare il grado di consapevolezza e l'opinione dei cittadini sugli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030, in rapporto ai grandi flussi migratori e al ruolo che le città dovrebbero svolgere nell'affrontare tali sfide. In particolare sono stati presentati e discussi: la metodologia e i campioni utilizzati, le opinioni e i dati raccolti sull'effettiva conoscenza degli SDG (Sustainable Development Goals) da parte dei soggetti intervistati. Oltre al report sui risultati dei sondaggi, UNIBO ha presentato altri due importanti strumenti per l'implementazione degli SDG a livello locale: il Training Toolkit e il Training Curriculum, volti a sistematizzare casi di studio, suggerimenti, esperienze e buone pratiche, sulla base dei materiali raccolti e delle attività svolte nell'ambito del progetto.

Due intere giornate sono state poi dedicate all'esperienza di localizzazione dell'Agenda 2030 della Generalitat Valenciana, uno dei primi governi regionali in Europa ad impegnarsi nell'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile con un’agenda locale articolata e largamente condivisa. Tanti gli interventi, introdotti e coordinati dal capo del Servizio di cooperazione e solidarietà della Generalitat Valenciana, Roger Navarro: tra le ONG invitate a condividere le proprie esperienze di successo, l'Alianza por la Solidaridad, la Comunitat Valenciana Fons Valencià per la Solidaritat e la MUSOL Foundation; tra i casi di studio affrontati, quelli delle municipalità di Mislata e Quart de Poblet; tra i rappresentanti delle istituzioni chiamati ad intervenire, Bartolomé Nofuentes, Consigliere regionale per le risorse economiche e i progetti europei della Generalitat Valenciana, e Federico Buyolo García, Direttore generale dell'Ufficio dell’Alto Commissariato per l'Agenda 2030 del Governo spagnolo.

Oltre al caso esemplare della Generalitat Valenciana, sono state presentate e discusse anche le esperienze delle altre regioni e città partner del progetto, nell’ottica dello scambio e della condivisione alla base della metodologia scelta per questa formazione: dal caso di Vejle, città danese selezionata tra le "100 città resilienti" riconosciute e finanziate dalla Fondazione Rockefeller, all’impegno di Pemba, in Mozambico, nella lotta ai cambiamenti climatici, causa di disastrose inondazioni in tutto il Paese, per citare solo due dei partner invitati ad illustrare le buone pratiche e le strategie di localizzazione dell’Agenda nei rispettivi territori.

In preparazione la traduzione in inglese di tutti i materiali e gli strumenti prodotti e presentati durante il Training of Trainers, che verranno messi a disposizione dei partner del progetto, e sul web per l’accesso pubblico.

Per ulteriori informazioni vai al PROGRAMMA (english) (pdf, 173.69 KB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/04/08 17:20:00 GMT+2 ultima modifica 2019-04-09T14:38:57+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina