Progetto europeo Kosovo

La cooperativa EVA espone i suoi prodotti alla fiera Slow Food a Tirana

Non sono solo prodotti di suino, ma è un progetto di successo di inclusività di donne provenienti da aree rurali e appartenenti a comunità tra cui le tensioni si sono sopite con il passare del tempo ma non sono del tutto scomparse.

Poche settimane dopo l’avvio della produzione, avvenuto nel maggio 2016, EVA ha preso parte al suo primo evento internazionale esponendo i suoi prodotti alla fiera Terra Madre Balcani, organizzata da Slow Food a Tirana nell’agosto 2016.

I prodotti di EVA sono un insolito e gustoso mix nato dall’unione tra tradizione kosovara – suxhuk, pleskavica, kulen, lombo, coscia, coppa affumicata – e specialità italiane, quali salsicce, pancetta e ciccioli.

Nella realtà kosovara, EVA è ben più di una mera attività economica; rappresenta una storia di dialogo, di progetti condivisi, di sogni coltivati per anni e perseguiti con fatica e tenacia. E rappresenta soprattutto un tentativo pionieristico, e quindi coraggioso, di proporre un modello di sviluppo inclusivo per le donne e per la società in generale. Il successo di una tale iniziativa è tutt’altro che scontato, soprattutto qualora si consideri che alla stagnazione che caratterizza l’economia del Kosovo, si aggiungono gli ostacoli che queste donne hanno incontrato per il fatto stesso di essere donne, provenienti da aree rurali e appartenenti a comunità tra cui le tensioni si sono sopite con il passare del tempo ma non sono del tutto scomparse. Di fronte alle sfide che inevitabilmente il futuro riserverà a EVA, vi è la fermezza di chi tra loro osserva serenamente: “Tutto questo fino a qualche anno fa era un sogno, ora non ci resta che andare avanti”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/12/12 10:05:47 GMT+1 ultima modifica 2019-12-12T11:04:02+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina