Progetto europeo Kosovo

Cooperativa EVA, una storia di integrazione tra etnie e di sviluppo economico

Nel 2015 il progetto europeo Action of Women in Agri-Business ha fornito i fondi per la costruzione di 12 capannoni per l'allevamento di suini per le famiglie di sei donne albanesi e sei serbe.

Le donne kosovare di etnia albanese e serba sono riuscite a trovare un linguaggio comune e ribaltare gli stereotipi di genere avviando il loro impianto di lavorazione della carne a Klina, una piccola città del Kosovo. Nel 2006 Indira, un'organizzazione non governativa multietnica locale, ha riunito donne delle comunità albanese, serba e rom. Nel 2012, le donne di Indira hanno deciso di fare un passo avanti e migliorare le loro ambizioni collettive, creando qualcosa di completamente nuovo per Klina - un impianto di lavorazione della carne suina. Rispetto alle altre parti del Kosovo, dove l'Islam è la religione predominante, a Klina esiste una significativa comunità cattolica - circa il 20% della popolazione albanese - e quindi vi sono consumatori di carne di maiale.

 "L'idea è nata dal fatto che non esisteva un allevamento di carne suina nel comune di Klina e dato che tutti abbiamo una lunga esperienza nell'allevamento di suini, abbiamo pensato che potesse essere un progetto di successo", ha affermato Nevenka, 46 anni donna di Klina e membro dell'associazione Indira.

Il sostegno all'iniziativa delle donne Indira è venuto da Reggio Terzo Mondo (RTM), una ONG italiana che lavora in Kosovo dal 1999 a progetti di sviluppo economico e sociale. RTM ha offerto loro la propria esperienza e il proprio know-how nell'attuazione del progetto.

Nel 2015, il progetto europeo Action of Women in Agri-Business ha fornito i fondi per la costruzione di 12 capannoni per l'allevamento di suini per le famiglie di sei donne albanesi e sei serbe, membri dell'associazione Indira. Insieme ai capannoni, ha finanziato la costruzione e l'attrezzatura di un moderno impianto su piccola scala per la macellazione dei suini e la lavorazione della loro carne. Alla fine del 2015, la Cooperativa Eva è stata finalmente registrata e nel maggio 2016 ha iniziato a produrre carne suina.

“Grazie all'Unione Europea e RTM, abbiamo una stalla più grande. Mentre prima potevamo avere solo due maiali, uno per noi e uno da vendere, ora possiamo allevare più maiali che alla fine venderemo alla cooperativa", ha detto Tone Gjergjaj, una donna albanese di 46 anni di Klina, che è anche vicepresidente di Eva.

 Le 12 famiglie partecipanti allevano e vendono i loro maiali alla cooperativa in cambio di un prezzo fisso per chilogrammo. “Devo essere sincera, all'inizio non eravamo molto ottimisti, perché le donne qui di solito lavorano a casa e non potevamo credere che questa impresa sarebbe stata realizzata. Tuttavia, quando finalmente lo stabilimento è stato aperto, abbiamo capito che stavamo andando verso un futuro migliore", ha detto Nevenka, che lavora nella macelleria.

Secondo le stime dei lavoratori della Cooperativa Eva, a parte i numerosi ristoranti nel comune di Klina che Eva rifornisce di carne, la maggior parte dei clienti sono persone locali sia albanesi che serbi. La cooperativa Eva ha superato una doppia sfida, in quanto ha collegato membri di diverse comunità etniche attraverso la creazione di un'impresa guidata solo da donne, in un luogo in cui entrambe le cose sono insolite.

"Siamo tutti consapevoli di ciò che è accaduto in passato tra di noi, ma qui non parliamo della guerra e andiamo d'accordo non come colleghi ma piuttosto come sorelle", ha detto Tone.

I turni di lavoro rispettano sempre l'equilibrio etnico e, quando viene chiesto quale sia la lingua di lavoro nello stabilimento, tutte le donne di Eva sorridono e concordano nel dire che è sia un elemento divertente della loro vita lavorativa quotidiana a causa di incomprensioni linguistiche, ma anche uno stimolo per l'apprendimento dell’altra lingua. "Quando ho iniziato a lavorare qui, non capivo una parola della lingua serba, ma giorno dopo giorno, a poco a poco, ho imparato a parlare serbo e ora ci capiamo perfettamente al lavoro", ha detto Rexijna, un 38enne che si è trasferito a Klina da Puke in Albania e ora lavora nella cooperativa.

Grazie al progetto AWARE, sembra che per le donne di Eva, l'appartenenza all'etnia non sia più un fattore di divisione ma piuttosto la loro forza. Il progetto le ha potenziate come donne, in un paese ancora fortemente patriarcale, in cui le donne sono principalmente viste come casalinghe che devono solo prendersi solo cura dei bambini.

Secondo Alberto Sartori, junior officer di RTM che ha seguito l'implementazione del progetto, il processo di riconciliazione è davvero efficace quando si basa su attività concrete.

 "Abbiamo aiutato le donne di questo villaggio ad aiutarsi a vicenda e a sviluppare la propria attività, secondo i propri standard e volontà", ha affermato Sartori.

 La vera sfida per le donne di Eva sarà quella di essere competitive in ​​un mercato in cui ci sono pochi consumatori di carne di maiale. Tuttavia, sembrano pronte ad affrontare questa sfida, certe che la loro storia potrebbe rappresentare un modello per tutte le donne.

Tratto dal sito Balkan Insignt, articolo di Matteo Tacconi e Giorgio Fruscione9 marzo 2018

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/12/12 12:00:00 GMT+1 ultima modifica 2019-12-12T13:08:29+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina