Progetto LOWINFOOD

Il progetto LOWINFOOD è una Innovation Action finanziata dalla Commissione Europea all’interno della call RUR-07-2020 del programma Horizon 2020. Il progetto ambisce ad implementare nelle filiere alimentari reali una selezione di innovazioni per prevenire e ridurre lo spreco alimentare.

Cosa fa la Regione

LowinfoodLogoSito.png

Ridurre le perdite e gli sprechi alimentari è una delle priorità dell’Unione europea in un momento in cui i sistemi alimentari devono affrontare sfide importanti di sostenibilità. Si stima che, in Europa, circa 88 milioni di tonnellate di cibo, corrispondenti a circa il 20% del totale prodotto, siano sprecate in diverse fasi delle filiere. Ciò comporta uno spreco enorme di risorse ambientali, tra cui il suolo, l’acqua e gli altri input utilizzati per produrre il cibo. Durante i 4 anni del progetto, si metteranno in funzione una serie di innovazioni per ridurre lo spreco di cibo in tre filiere particolarmente colpite da questo problema (l’ortofrutta, la panificazione, la produzione e trasformazione del pesce) cui si aggiungono soluzioni specifiche per evitare lo spreco di cibo nella fase di consumo, sia in casa che fuori casa. 

Coordinato dall’Università degli Studi della Tuscia (Viterbo), il progetto coinvolge 27 partner di 12 paesi europei: università, istituti di ricerca, start-up, fondazioni, associazioni e aziende legate al settore alimentare. I soggetti coinvolti sono detentori di differenti soluzioni tecnologiche, sociali e organizzative che saranno testate su diverse filiere del settore agro-alimentare per valutare le potenzialità di mercato di tecnologie e modelli di business innovativi. Il progetto convaliderà l’impatto di tali innovazioni sulla riduzione degli sprechi alimentari e sul miglioramento delle prestazioni socio-economiche e ambientali.

La Regione Emilia-Romagna è stata individuata come partner privilegiato per le attività consolidate nella prevenzione degli sprechi alimentari e per l’esperienza maturata nel sistema informatizzato di gestione dei ritiri dal mercato e donazione di prodotti ortofrutticoli freschi, ritenuta estremamente all'avanguardia sul panorama europeo.

La nostra innovazione consiste in un software per promuovere e facilitare i ritiri dal mercato in relazione al fondo PAC per la prevenzione e la gestione delle crisi: il sistema consente di donare il cibo ad enti di beneficenza accreditati e di monitorare costantemente le quantità di alimenti donati.

Grazie[ZC1]  alla partecipazione a questo progetto, la Regione Emilia-Romagna si può accreditare a livello europeo come Regione d’eccellenza per diffondere il proprio modello e, potenzialmente, proporre alla Commissione l'istituzionalizzazione della piattaforma.

 

Contributo totale UE: euro 5.534.161

Budget RER: euro 195.579,18

Durata del progetto: 52 mesi

Data inizio: 01.11.2020

Data fine: 28. 02.2025

Sito web: https://lowinfood.eu/

 

A chi rivolgersi

Stefano Callegari - 051 5278106 - stefano.callegari@regione.emilia-romagna.it

Claudia Ziosi - 051 5278795 - claudia.ziosi@regione.emilia-romagna.it

Valentina D’Orazio - 051 5274665 – valentina.dorazio@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/10/13 14:13:10 GMT+1 ultima modifica 2021-10-13T14:13:10+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina